Caro Bollette 2021 e 2022, cosa cambia con le nuove misure.

0
312
Caro Bolletta - come comportarsi per il risparmio in azienda - Valori srl

PREMESSA

Poichè l’Italia è ancora lontana dal traguardo di fare affidamento solo sulle energie rinnovabili per il proprio sostentamento, essendo ancora massicciamente dipendente dal combustibile fossile, l’aumento dei costi delle materie prime ha fatto salire vertiginosamente il prezzo dell’energia che nel giro di un anno ha visto un incremento del 400%.

COME FUNZIONA IL CARO BOLLETTE?

Questo termine che, purtroppo, è diventato di uso comune soprattutto negli ultimi sei mesi, indica un aumento notevole del prezzo delle utenze, sia domestiche che industriali. Questo incremento del costo di gas ed elettricità è la conseguenza dell’innalzamento del costo delle materie prime.

Le cause del Caro Bollette

Vediamo quindi perché si è generata questa situazione.
Sicuramente il primo tassello di questo puzzle è stata la pandemia da Covid 19 che, a partire da Febbraio 2020 sino alla metà del 2021, con il suo intervallarsi di lock down ha provocato l’interruzione a singhiozzo delle attività di diversi settori. Questo elastico di chiusure e riaperture ha portato ad un’esplosione della domanda sul mercato che, a sua volta, ha avuto come naturale conseguenza l’aumento drastico del prezzo delle materie prime e di conseguenza di beni e servizi.

A chi spetta il Caro Bollette?

Questo pesante aumento del costo delle materie prime si traduce in bollette di corrente e gas molto onerose.
Questa realtà tocca il privato cittadino il quale ora si trova a pagare per le utenze della propria abitazione (le medesime ovvero a fronte degli stessi consumi) cifre astronomiche, più che raddoppiate rispetto all’anno precedente.

Ma riguarda anche le industrie, gli uffici, tutte le attività produttive, nessuna esclusa. Questa situazione è molto pericolosa perché a cascata ricade inevitabilmente su tutta la catena produttiva. Infatti, l’aumento del costo delle utenze incide direttamente sul prezzo del prodotto finale.

COSA CAMBIA NELLE BOLLETTE DI LUCE E GAS?

Vediamo ora cosa è cambiato nelle nostre bollette di energia elettrica e gas rispetto al 2020.

Il costo dell’energia elettrica nel 2020 era di 0,106€/kwh; nel primo semetre del 2021 era pari a 0,192€/kwh. Nell’ultima fattura inerente al bimestre marzo-aprile 2022 l’importo ha raggiunto i 0,296€/kwh.

Il costo del gas ha seguito la stessa sorte. Fino a un anno fa era pari a 0,29€ al metro cubo. Oggi ha raggiunto i 0,86€ per metro cubo.

A quanto ammonta il Caro Bollette?

Mettendo a confronto le fatture di gas e luce che abbiamo ricevuto nell’ultimo biennio, possiamo quindi rilevare che l’aumento è stato di circa il 300% sia per il gas che per la corrente elettrica.

Caro Bollette, per quanto tempo?

Purtroppo il quadro geo-politico attuale non è favorevole per scorgere nel breve periodo la risoluzione di questo problema del caro bollette.
La guerra in corso tra Ucraina e Russia ha acuito il problema, in quanto le sanzioni imposte alla Russia, da cui dipendiamo pesantemente per la fornitura di gas, ha causato un ulteriore aumento del costo delle materie prime spingendo al tempo stesso l’acceleratore sulla ricerca di fonti alternative di approvvigionamento. Ma non sarà una soluzione facile da trovare.

CARO BOLLETTE PER LE AZIENDE

Il caro bollette incide tantissimo sul bilancio delle aziende, di qualunque settore, ma risulta particolarmente pesante per le imprese che necessitano di grandi quantità di energia per far funzionare i macchinari della propria catena produttiva.
Si sono trovate in grandissima difficoltà a fronteggiare i costi per sostenere la loro produzione con un tale aumento delle materie prime.
Il primo passo è stato l’inevitabile aumento dei prezzi alla clientela; lo step successivo è stato (sarà, per chi ha resistito finora) il taglio di altri costi in bilancio, in primis il costo del personale. Pertanto, queste aziende si troveranno costrette, loro malgrado, a ridurre il flusso produttivo licenziando parte dei dipendenti, o nella migliore delle ipotesi, mettendoli in cassa integrazione.

Un esempio emblematico è rappresentato dalle aziende del settore ceramica che sono il nostro fiore all’occhiello, ma che purtroppo versano in enorme difficoltà a causa del caro bollette.
Infatti, necessitano di tantissima energia per l’attività dei forni e degli altri macchinari per la lavorazione della ceramica e, con il costo attuale delle utenze, si sono trovate a dover decidere in alcuni casi di spegnere i macchinari e mettere i dipendenti in cassa integrazione.

CARO BOLLETTE, COSA CONVIENE?

Per un supporto nella valutazione dei costi e un aiuto nel ridurre la loro incidenza nel vostro bilancio aziendale, potete rivolgervi al nostro team di consulenti.

Abbiamo sede a Milano e siamo partner di Duferco Energia che, come è noto, ha fatto dell’efficientamento energetico la sua bandiera.
Siamo in grado di effettuare una consulenza energetica alla vostra azienda che consiste nell’analisi dei consumi allo scopo di stendere un piano personalizzato di efficientamento per migliorare le performance energetiche della vostra attività.
Ci occupiamo inoltre di ricercare soluzioni tecnologiche e i migliori contratti di fornitura offerti dal mercato al fine di ridurre il più possibile l’importo delle fatture per utenze che dovrete pagare con uno sguardo al contempo alla riduzione dell’impatto ambientale delle stesse.

Articolo precedenteBuon 2022 e benvenuti!
Articolo successivoIl device diventa un servizio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here