L’importanza del servizio VPN (Virtual Private Network)

0
992
Valori Srl - Blog - L'importanza del servizio VPN (Virtual Private Network)

PREMESSA

Nell’articolo precedente abbiamo analizzato l’importanza della sicurezza informatica, oggi parliamo di come aumentare questa sicurezza scegliendo un servizio VPN.

In questo articolo, analizzeremo il significato di VPN, perché è importante, quali vantaggi porta e come protegge la privacy online.

COSA SI INTENDE PER VPN?

Una VPN (Virtual Private Network) letteralmente identifica una rete virtuale privata, ovvero consiste in un servizio che consente la creazione di una connessione sicura e criptata tra il proprio dispositivo e la sede dalla quale è stata creata la VPN (ad esempio la sede di lavoro principale) attraverso Internet.

Infatti, la VPN ti permette di uscire sul web con lo stesso indirizzo IP della tua sede di lavoro o in linea generale con l’indirizzo IP della rete dalla quale è stata creata la VPN.

A cosa serve?

Il servizio VPN serve principalmente per inviare e ricevere dati via Internet in modo sicuro, ma esistono delle funzioni ben precise della VPN:

PRIVACY: il servizio VPN utilizza la crittografia per mantenere private diverse informazioni, parliamo di password, dati personali, informazioni della carta di credito e molto altro ancora.

Mantenere private le informazioni significa proprio evitare che vengano registrate e vendute a terze persone, in particolare, tutto ciò può accadere nel momento in cui ci si collega a reti Wi-Fi pubbliche.

SICUREZZA: anche in questo caso, come abbiamo già detto in precedenza, per proteggere la propria connessione Internet da tutti gli accessi non autorizzati il servizio VPN utilizza la crittografia, ne esistono di vari livelli.

In questo modo si riduce il rischio che i propri dati vengano compromessi.

TIPOLOGIE DI VPN

La VPN può essere utilizzata per diverse motivazioni, per questo motivo, questo tipo di rete può essere creata in modi differenti.

Esistono infatti due categoria di utilizzo del servizio VPN:

VPN hub-and-spokes, che viene utilizzata per collegare computer, smartphone, tablet ecc. ad un server VPN, solitamente questo è utilizzato per proteggere i dati durante connessioni non protette.

VPN site-to-site, viene scelta per il collegamento di due o più reti private con diversa struttura e posizione attraverso una connessione sicura.

Solitamente questa viene utilizzata in azienda, per permettere lo scambio di informazioni o dati tra sedi che magari sono della stessa società ma si trovano in posti diversi.

La diffusione e l’utilizzo sempre più frequente di Internet, causa a sua volta una diminuzione della sicurezza, per questo motivo bisogna introdurre misure aggiuntive.

Per questo alle Trusted VPN si aggiungono le Secure VPN.

Le Trusted VPN, è il gestore di servizi che decide e migliora il percorso di dati, cercando di impedire l’accesso ad utenti non autorizzati, questo sicuramente porta all’arrivo dei dati a destinazione, ma non offre una protezione certa di questi ultimi.

Mentre le Secure VPN, sono reti private che garantiscono la protezione dei dati attraverso la creazione di un tunnel tra due nodi della rete, ma questo non prevede il miglior percorso di dati.

Per questo motivo, oggi la tipologia di VPN più usata è Hybrid VPN, consiste in un mix tra le due tipologie citate precedentemente, ovvero, vengono unite la velocità di comunicazione delle Trusted VPN alla sicurezza della tecnologia di tunneling offerta dalle Secure VPN.

Cosa e quali sono i protocolli di cifratura?

Ma come fanno le VPN a garantire l’inviolabilità dei dati? Viene applicato un protocollo di cifratura, ovvero, un modo per trasformare i dati originali in altri dati comprensibili solo dal destinatario.

Esistono molti protocolli di cifratura riguardanti le VPN, vediamone alcuni e analizziamo sia punti di forza che di debolezza.

PPTP: è un protocollo di cifratura creato da Microsoft, è uno dei più utilizzati. Ma in realtà PPTP contiene molti punti di debolezza, infatti già dal 2012 è considerato obsoleto stesso da Microsoft.

SSTP: nasce dopo PPTP, anche questo creato da Microsoft e viene considerato più sicuro rispetto al precedente. Solitamente è consigliato su VPN basate su Windows.

IPsec: considerato molto sicuro. Si occupa della cifratura dei dati su Internet. Inerente alle connessioni VPN, IPsec lavora insieme al protocollo L2TP, che ha il compito di creare il tunnel vero e proprio.

IKEv2: nasce dalla collaborazione tra Microsoft e Cisco. È molto flessibile nell’utilizzo, simile a IPsec ma ancora più sicuro, i dati si muovono molto velocemente.

OpenVPN: uno dei più utilizzati in ambito VPN, anche perché si adatta perfettamente a diversi scenari, supporta numerosi algoritmi di cifratura ed è open source.

In poche parole, possiamo affermare che per garantire sicurezza nello scambio dei dati ma contemporaneamente velocità di comunicazione, la scelta migliore è IKEv2 e OpenVPN.

PERCHÉ UTILIZZARE UN SERVIZIO VPN?

Ormai tutti utilizzano Internet per qualsiasi attività, e per aumentare la sicurezza è importante considerare l’utilizzo di una VPN, ma capiamo insieme perché.

In realtà i motivi sono molteplici, oltre, ovviamente, a quello della sicurezza, vediamo insieme alcuni degli altri.

In primo luogo, possiamo parlare del controllo delle nostre attività online, solitamente il nostro indirizzo IP, viene tracciato dai vari siti web che visitiamo, di conseguenza vengono monitorate le attività che svolgiamo online.

Con una VPN, attraverso la crittografia dei dati, viene protetta la tua privacy online, di conseguenza il problema appena citato viene eliminato.

Un altro aspetto da considerare è che alcuni contenuti online sono limitati geograficamente, e avere un servizio VPN ti consente di accedere anche a questi contenuti.

In poche parole, se mi serve accedere ad un sito disponibile solo in Italia con la VPN posso simulare una connessione dall’Italia così da accedervi anche se non vi sono in quel momento.

Ovviamente per rendere possibile ciò, devo avere accesso ad una rete in quel determinato posto o paese, oppure devo utilizzare delle applicazioni a pagamento che lo prevedono.

Possiamo quindi affermare che un servizio VPN è assolutamente vantaggioso per le aziende, in particolare per una maggiore sicurezza dei dati e per una maggiore libertà di accesso online accompagnata da un accesso da remoto affidabile e sicuro.

Articolo precedenteI possibili crimini informatici e come difendersi, parliamo di Cyber Security
Articolo successivoIl rapporto tra cliente e consulente, parliamo di società di consulenza