Il coding e l’importanza di insegnarlo ai bambini

0
712
Valori Srl - Blog - Il coding e l'importanza di insegnarlo ai bambini

PREMESSA

Parlare di coding significa parlare di capacità di programmazione informatica, ma non solo, significa anche parlare di strumento didattico per imparare ad usare la tecnologia, sviluppare diverse competenze, e sviluppare il pensiero computazionale.

Vista la continua evoluzione digitale che sta vivendo il mondo del lavoro, comprendere e imparare il coding fin da bambini è fondamentale per lo sviluppo di capacità e competenze.

COSA SI INTENDE PER CODING?

Con coding si intende l’ideazione e lo sviluppo di Software, si parla quindi di programmazione informatica.

Programmare significa dare istruzioni ad un esecutore privo di intelligenza propria, infatti, le istruzioni devono essere chiare e semplici e vanno comunicate una per volta, annesse di dettagli necessari.

Il coding viene utilizzato anche come strumento didattico e permette di sviluppare determinate competenze.

Parliamo di creatività; capacità di problem solving che si collega allo sviluppo del pensiero computazionale, che porta appunto alla capacità di risolvere problemi; lavoro in gruppo, ovvero la capacità di interagire con altre persone per creare progetti insieme.

Cosa si intende per pensiero computazionale?

Il concetto di pensiero computazionale venne introdotto nel 1980 da Seymour Papert nel libro Mindstorms.

Per pensiero computazionale si intende un processo mentale che permette di risolvere problemi più o meno gravi, grazie all’utilizzo della giusta strategia.

Avere padronanza del Coding e del pensiero computazionale aiuta a sviluppare anche un pensiero critico.

Possiamo inoltre, riportare una citazione molto significativa di Jeannette Wing nel 2006:

“il processo necessario per la formulazione e soluzione di problemi in forme comprensibili da agenti in grado di processare informazioni”

In poche parole, il pensiero computazionale consiste nel risolvere un problema pianificando una strategia, sicuramente, l’uso di strumenti informatici agevola questa attività, e il coding è lo strumento migliore.

IL CODING A SCUOLA

Come tutti sanno, i bambini apprendono velocemente nuovi concetti.

Per questo motivo, il coding può essere introdotto in aula ai bambini come attività trasversale a tutte le discipline.

Questo, aiuta sicuramente a sviluppare creatività, capacità di lavorare in gruppo e di problem solving in modo divertente.

A definire questi concetti c’è il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) che ha come concetto centrale l’innovazione del sistema scolastico e l’opportunità di educazione digitale:

“Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola italiana e per un nuovo posizionamento del suo sistema educativo nell’era digitale”.

Quali sono gli aspetti positivi di insegnare il coding ai bambini?

I vantaggi dell’introdurre l’insegnamento del coding nei bambini sono diversi.

In primo luogo, per la loro capacità di apprendimento che li aiuta a capire i concetti molto più velocemente rispetto agli adulti.

Inoltre, grazie ai programmi di coding educativo, i bambini sviluppano fin da subito capacità di risolvere i problemi, ovvero uno sviluppo del pensiero computazionale.

Non solo, si avvicinano fin da subito alla tecnologia e all’informatica, aspetto fondamentale vista la continua evoluzione del mondo del lavoro.

Le piattaforme didattiche più adatte

Esistono delle piattaforme didattiche per insegnare il Coding ai bambini e ai ragazzi, vediamo insieme le principali piattaforme da usare a scuola.

Scratch, è molto intuitiva e mette a disposizione di alunni e insegnanti vari progetti con i quali si può imparare a programmare, migliorando le abilità di Coding.

Ad esempio, si possono programmare giochi, storie ecc.

Questo aiuta a sviluppare la capacità di lavorare in gruppo, la capacità di problem solving e la creatività.

Minecraft Education, basato sul gioco Minecraft, aiuta a sviluppare la competenza di relazionarsi con gli altri giocando, quindi in maniera divertente.

Questo aiuta a sviluppare la capacità di lavorare in gruppo, di creare narrazioni digitali e a sviluppare un linguaggio di programmazione.

Twinery, ottimo per creare giochi interattivi così da comprendere il concetto di scelta e conseguenza.  

CoderDojo, attivo in 114 paesi e sostenuto da 12.000 volontari, aiuta a comprendere le basi del Coding e sviluppare le capacità di programmazione.

Ci sono dei club di programmazione e ogni club porta a termine diversi progetti.

Queste sono solo alcune delle piattaforme usate nelle scuole, ne esistono altre molto efficaci.

Articolo precedenteL’importanza del Business Plan per le aziende
Articolo successivoL’importanza del pensiero computazionale